La maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio, che non è una semplice visita, ma un sogno. E va crescendo a poco a poco, costruendosi una delicata architettura. E’ un’amabile malinconia, che sviluppiamo con un complicato processo: senza voli aerei, senza tempo, senza soldi. Dalle palpebre verso dentro.

Un viaggio di questo tipo si alimenta di letture, cartoline illustrate, carte geografiche, ortografie, persone che arrivano con delle notizie, avventure vissute da altri e di cui uno si sente partecipe, nell’oscurità di una sala cinematografica o a casa, soli davanti al televisore.

Un pezzetto dopo l’altro prende forma il paesaggio che si riproduce una realtà che non si può toccare, ma forte come il vincolo che unisce il corteggiatore alla sua amante segreta. Credo sia una sorta di pellegrinaggio che ha a che vedere con il luogo a cui, per motivi misteriosi, sentiamo di voler appartenere

(da “Amor America” di M.Torres)

Perle di saggezza popolare (grazie a Venessia.com)

Io vado...

...nella mia nuova casa

mercoledì 4 febbraio 2009

Una nuova casa


"A tutti, nel paese, senza dubbio doveva sembrare che io vagassi qua e là, senza destinazione. Ma qui, lungo il fiume, al crepuscolo puoi vedere il dolce volo dei pipistrelli che volteggiano a zig-zag, intorno … volano per procurarsi il cibo. E se ti è mai capitato di perdere la strada nel mezzo della notte, nella foresta oscura vicino a Miller’s Ford, evitando ora una strada, ora l’altra, ovunque si poteva intravedere la luce della Via Lattea brillare per illuminare il sentiero. Dovresti allora capire che io cercavo la strada con ardente zelo e che tutto quel mio vagabondare era un vagabondare nella ricerca."

(una mia personalissima traduzione e adattamento della poesia “William Goode”, in “Antologia di Spoon River”, di E. Lee Masters)



Curiosa ed impaziente, ho vagabondato…

Un giorno mi son fermata:
un albero
una panchina
un’ombra


Sono stata a testa in giù, appesa ad un ramo di quell’albero, accompagnata dal dolce russare dei pipistrelli, risvegliata dai raggi che penetravano tra le foglie, coccolata dal silenzio di chi, passando, guardava su e sorrideva… e sussurrava… e raccontava…

Ho deciso di fare di quest’albero, la mia casa.
Ho deciso di fare di questa panchina, la ninnananna dei miei pensieri.
Ho deciso di fare di quell’ombra, la mia ombra… ad un passo dai miei pensieri, ad un passo da chi c’è appena più in là.

Nel caso qualcuno abbia voglia di passare a salutare, ora abito qui.
Starò a giocare con i semini di senapa… chicchi minuscoli, invisibili… che crescono con sole e pioggia.

Lascio questo mio spazio verde, così… com’è… con i giocattoli fuori posto, l’eco delle parole e le orme sulla strada…

In fondo, tutto quello che conta, è con me… alla rinfusa nelle tasche…

4 commenti:

un tocco di zenzero ha detto...

Diceva che mi sembrava di averti già vista..eri tu...quando i nostri sguardi si sono incrociati e ho riconoscuto nei tuoi occhi il vento e nelle tue scarpe consunte il sapore della strada...

"Insieme abbiam marciato un dì per strade non battute
insieme abbiam raccolto un fior sull'orlo di una rupe(...)
Insieme abbiam portato un dì lo zaino che ci spezza
insieme abbiam goduto alfin del vento la carezza(...)
Insieme abbiamo appreso ciò che il libro non addita
abbiam appreso che l'amor è il senso della vita."

Buona strada ;)

Stefi ha detto...

zanzero..zenzero..zenzero..con quelle parole e quegli accordi che mi volteggiano sulla testa..mi viene un dubbio..eheh
ma mi faccio cullare da queste bellissime parole.. e mi vedo già sulla strada con il mio zaino!
in fondo l'ho solo svuotato un po', ne ho preso uno più leggero, con meno tasche ma più capiente..
sei sempre la benvenuta anche di là.. sotto l'albero, sulla panchina.. a giocherellare con i semini di senape.. a guardar lontano..e ancora più lontano!
..eheh.. buona strada a te!!

Maracaibo ha detto...

Un vagabondare che è una ricerca, un raccogliere ogni pezzetto di strada, ogni fiore e ogni sorriso, ogni lacrima.. per poi ripartire a guardare il mondo da un angolo diverso....
Questo spazio mi mancherà, perchè in fondo è anche un po' mio.. ma la novità mi attira ancora di più.. e lascio qui alla rinfusa tutte le mie sensazioni per correre sotto l'ombra di un altro albero..
Arrivoooooooooooooooooooooooooo
:D

radha ha detto...

ma quanti mi piaci?
da uno a cento...infinito!
abbrabaci

 

blogger templates | Make Money Online