La maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio, che non è una semplice visita, ma un sogno. E va crescendo a poco a poco, costruendosi una delicata architettura. E’ un’amabile malinconia, che sviluppiamo con un complicato processo: senza voli aerei, senza tempo, senza soldi. Dalle palpebre verso dentro.

Un viaggio di questo tipo si alimenta di letture, cartoline illustrate, carte geografiche, ortografie, persone che arrivano con delle notizie, avventure vissute da altri e di cui uno si sente partecipe, nell’oscurità di una sala cinematografica o a casa, soli davanti al televisore.

Un pezzetto dopo l’altro prende forma il paesaggio che si riproduce una realtà che non si può toccare, ma forte come il vincolo che unisce il corteggiatore alla sua amante segreta. Credo sia una sorta di pellegrinaggio che ha a che vedere con il luogo a cui, per motivi misteriosi, sentiamo di voler appartenere

(da “Amor America” di M.Torres)

Perle di saggezza popolare (grazie a Venessia.com)

Io vado...

...nella mia nuova casa

sabato 13 dicembre 2008

In mani e piedi

Qual è il peso dei sogni?
Un soffio di vento? Una foglia ben ancorata al suo ramo? che spunta in primavera, succhia la linfa facendosela scorrere tra le vene fino ad ubriacarsi per poi sentirsi sazia e scegliere di lasciarsi andare, nei primi freddi autunnali... cadere giù, marcire e rifiorire in un petalo di una pratolina sotto ad una quercia?
Una fedina d'argento? che vive con te, nel silenzio e nell'amore dei giorni. Pochi grammi che pesano come macigni quando decidi di toglierla, così, solo per pulirla un poco.
Una borsa troppo piena di cose inutili? che continui a portarti via perché "non si sa mai".

Che odore hanno i sogni?
Quel profumo delicato di marsiglia? che si impregna nei vestiti... che ti porti addosso per la strada... quell'odore che col tempo s'affievolisce e che rimpiazzi con uno nuovo, da scoprire.
Che odore hanno? Quel non-so-che che sa di casa tua? che non riesci a percepire ma che gli altri riconoscono tra mille? E' quell'odore che risenti solo quando torni da un pellegrinaggio lontano, alla ricerca di Loto e Tiaré... e torni a casa con le tasche vuote e la nostalgia di quel non-so-che.

Che forma prendono, i sogni?
Quella dell'ultimo dentino di un bimbo, nascosto con cura in un angolo della finestra, che si trasforma in un sorriso di fata, nella notte?
Un neo sulla pelle? che un giorno decidi di togliere per non avere più marchi indelebili dentro e fuori di te? ancora inconsapevole che ti resterà una cicatrice eterna, che prude quando piove e sbiadisce al sole, ma che racconta splendidamente di quello che sei
Una briciola di pane? sulle spalle di una formica, fino a casa
Un sassolino che calci per la strada? che a volte sparisce sotto al marciapiede per poi riapparire più grande, dietro al lampione?
Un guscio di noce? che diventa una barchetta nel bicchiere o il guscio di una tartaruga in cui infilare la testa... o il cappello del grillo parlante, ubriaco di parole buone... o una conchiglia che ti canta la ninnananna prima di dormire... o la gobba di un cammello nel mezzo del deserto, da cui, una goccia alla volta, trovi il tuo più dolce ristoro lungo la strada... o lo zainetto di un camaleonte, che oggi è turchese come il riflesso del vento e domani è arancione come le bacche della piracanta?


I miei credo si nascondano nelle orme che i miei piedi lasciano lungo il sentiero, ogni giorno, e in tutte quelle sensazioni che tocco con la punta delle dita, ogni istante.

23 commenti:

JANAS ha detto...

Come si costruisce un sogno? Prendete i colori e le emozioni del presente, mescolatele con i suoni, le voci, le musiche, i ricordi del passato aggiungete qualcosa delle speranze per il futuro ed ecco il vostro sogno. Niente di più niente di meno
(dal film l'arte del sogno di Michel Gondry)
film appena rivisto questa sera!!
buona notte!

UIFPW08 ha detto...

tra i miei sogni conosco solo quelli che non si avverano mai..
notte...

Lucignolo ha detto...

Il sogno è una discesa a rotta di collo, giù sparati lungo un percorso piacevole ma di cui vediamo solo scene sfocate sfrecciarci accanto, bellissime ma sfuggenti, avanti il nulla, tutto ci appare dinnanzi gli occhi solo all'ultimo momento, solo per un'attimo, ma è quello che riempie il nostro cuore di speranze... senza ben capire il come e il perchè, gioia pura, per quello che ancora non c'è.

Anonimo ha detto...

Ho trovato un fiore sotto il cuscino e hocapito.
Ti lascio la definizione di sogno che proprio tu hai inciso sul mio taccuino di cuoio: Scolpiamo giorno per giorno i nostri sogni..l'ieri è ciò da cui ho iniziato a scolpire l'oggi;il domani è quello che prende forma dall'oggi.
http://www.youtube.com/watch?v=RLx2_y4selk Ricordi? :)) Io ce l'ho ancora
Buona strada ape
Bibbo e ilsuo scarpone elegante

Anonimo ha detto...

Non si vede il link.....Mi fai tu una magia magica?
http://www.youtube.com/watch?v=RLx2_y4selk
sempre-Bibb- (e-il-s-uo-scarpone)

Stefi ha detto...

ecco, bibbo

Maracaibo ha detto...

I sogni... hanno la forma delle nuvole..vanno vengono.. si fanno, si disfano.. e son sempre con te, in ogni passo, ogni giorno.. ti fanno volare alto e a volte ti fanno battere i piedi per terra..
I miei sogni? Utopie forse, ma io intanto ci credo..in mani e piedi..

Bel viaggio di parole stellina, ti abbraccio

farlocca farlocchissima ha detto...

i sogni hanno la forma che vuoi tu, quando vuoi tu, come vuoi tu, con la musica che vuoi tu e l'odore che vuoi tu... i sogni sono un pezzo di noi che esce senza mediazioni... bel post :-)

poliglotta ha detto...

Scrivi così bene che lì riconosco in tutto, i miei sogni. Nella foglia che si lascia andare, nelle tasche vuote e quella nostalgia di non-so-che, nella cicatrice di un neo.
Sono facilmente influenzabile forse, ma complimenti sinceri per questo post. E per tutte le altre cose scritte in questo blog!
Ti linko fra i miei amici, così ti seguo.
Un saluto!

Stefi ha detto...

ma che gggioia!!!! grazie a tutti per la sognante condivisione!

Il Massimo ha detto...

I sogni a volte si trasformano in incubi.
L'essere umano è una "macchina" perfetta anche nel subconscio. Ciao e buone feste.

Il Massimo ha detto...

Stefi anche tu sei entrata per titoli ed esami per gli auguri del 6 gennaio.
Intanto comincio con quelli di Natale e di buon anno.
Mi sembri una piccola Janas 1, perchè oramai è risaputo che, purtroppo, c'è ne è
anche una numero due.
Al peggio non c'è mai limite.

Anonimo ha detto...

Bibbo = cucù ?

Stefi ha detto...

ah ho vinto anch'io gli auguri?!che gggioia! io amo gli auguri, di qualunque genere!!e quelli del 6 gennaio, poi, mi stanno particolarmente a cuore!!
però..sei in anticipo adesso!!dai, aspettiamo natale per quelli di natale, che è più bello!

eheh..una piccola Janas 1..beh, intanto la 2 non la conosco..ma per me..Janas è sempre una! c'è una grande Janas e una grande Stefi..ahah..al massimo divento una piccola stefi..quando m'infilo dentro alla mia conchiglia scheggiata e guardo fuori..
ma!massimo!non dire così della janas eh, che lo sai che le voglio bene io! lì da lei le regole le decide lei, ma qui..qui devi trattarla bene! minimo mandarle un bacio ogni volta!!eh?! ;)
ocio eh!

bibbo è..ma, aspetta, questo anonimo mo' sei sempre tu?!che confusione 'sti anonimi! bibbo è un amico! un amico con gli scarponi che ha fatto un po' di strada con me..
uno dei tanti cucù incontrati per strada, uno dei tanti che mi ha riempito le tasche!! ;)

JANAS ha detto...

ahahahah! alla fine ti sei beccata della befana pure tu!!
succede...chi frequenta le befane impara a befanare!!!
infatti anche Il Massimo ...sta per prendere la licenza di Primo Befano!!

vedi Massimo ...non sempre arrivi undicesimo!! eheheh!!

comunque visto che Stefi è un po scimmietta...anch'io ho imparato a scimmiottare!!

JANAS ha detto...

ops
onde evitare equivoci nell'interpretazione preciso che scimmiottare deve essere inteso in senso di fare dispetti ( e non nel comune senso)

Luigina ha detto...

Arriva la Befana n° 3 a darvi man forte. Bello questo post. Onorata dal link
Il mio sogno aveva la forma di una bel batuffolino, di color rosa, 2,9 kg di peso, il profumo del calicanto in fiore ed ora si è avverato. Ti abbraccio Stefi. Perdonami se ti ho trascurato un po'

Stefi ha detto...

urca, ja'! ti stai ammalando anche tu delle cose chiare?!:o nononono sai!anche perché nel mio comune senso scimmiottare è far la scimmia quindi.. eheh siamo a posto!!


luigina..ma ciaoo!! ma l'ho vista quella cosa bellissima che ti è arrivata tra le mani..l'ho vista l'ho vista..e merita tutte le migliori attenzioni! anche le nostre! ;) quindi ricambio l'abbraccio! a te..ma anche a mamma francesca!! verrò a sbirciare il frugolino! ma, giuro, niente scherzacci scimmieschi!! eheh

JANAS ha detto...

già!
comunque hahahhaahhahah!
comunque se Il Massimo continua a frequentare anche te...può anche prendere la licenza di: PRIMO SCIMMIOTTO!!!


(ha già minacciato da me che poi..ci sistemerà!!)

Stefi ha detto...

gli facciamo fare un po' d'allenamento e poi vediamo se è all'altezza del prestigioso ruolo!ahahahhhh
intanto..ci deve prendere!!eheh 'na paroea!

Matteo Mainardi ha detto...

Come si costruisce un sogno? Forse vivendo ogni attimo come se fosse l'ultimo...

Il Massimo ha detto...

Grazie della classifica stilata, che rendendomi i giusti meriti, risulto primo in almeno due campi.
Prrmo come sciommiotto e ...
primo come befano ...
Ma voi avete costituito addirittura una cooperativa di befane?
No, stavolta non sono io il noto anonimo.
In bocca al lupo per la tua tesi ma poi sarò obbligato a chiamarti dottoressa?
P.S. Ho visto la notifica della tua mail e pensando fosse un commento sul mio blog, l'ho cancellata assieme ad un'altra dozzina e quindi non sono riuscito a leggerla.
Se ritieni opportuno rimandamela.
Ciao

Stefi ha detto...

matteo..giàggià! proprio così! un impegno soprattutto..ma è sempre con le cose più impegnative che troviamo soddisfazione!
grazie della tua sfumatura! ;)


Il massimo..una cooperativa?!ahahahhh in realtà mi sa che si costituisce da sola..ci si annusa nell'aria e ci si trova..così, un po' per caso e un po' per sensazione!
crepi crepi crepi! e..nononono!!par carità!!non mi chiamare dottoressa!!!come si direbbe in termini di traduzione, sarebbe un effetto di straniamento!!e..lo evito sempre, anche nei miei scritti!;)
grazie del pensiero! quello lo apprezzo più di tutti i titoli!eheh
quella che ti è arrivata era una notifica ai commenti, sì! ti avevo mandato il buon compleanno in ritardo..anzi, il non compleanno! ;)

 

blogger templates | Make Money Online