La maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio, che non è una semplice visita, ma un sogno. E va crescendo a poco a poco, costruendosi una delicata architettura. E’ un’amabile malinconia, che sviluppiamo con un complicato processo: senza voli aerei, senza tempo, senza soldi. Dalle palpebre verso dentro.

Un viaggio di questo tipo si alimenta di letture, cartoline illustrate, carte geografiche, ortografie, persone che arrivano con delle notizie, avventure vissute da altri e di cui uno si sente partecipe, nell’oscurità di una sala cinematografica o a casa, soli davanti al televisore.

Un pezzetto dopo l’altro prende forma il paesaggio che si riproduce una realtà che non si può toccare, ma forte come il vincolo che unisce il corteggiatore alla sua amante segreta. Credo sia una sorta di pellegrinaggio che ha a che vedere con il luogo a cui, per motivi misteriosi, sentiamo di voler appartenere

(da “Amor America” di M.Torres)

Perle di saggezza popolare (grazie a Venessia.com)

Io vado...

...nella mia nuova casa

lunedì 24 dicembre 2007

E' Natale...

E’ Natale ogni volta che
sorridi a un fratello e gli tendi la mano.

E’ Natale ogni volta che
rimani in silenzio per ascoltare l’altro.

E’ Natale ogni volta che
non accetti quei principi
che relegano gli oppressi
ai margini della società.

E’ Natale ogni volta
che speri
con quelli che disperano
nella povertà fisica e spirituale.

E’ Natale ogni volta che
riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza.

E’ Natale ogni volta che
permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri.

Madre Tersa di Calcutta


E’ per questo che vorrei ringraziare, uno ad uno, le persone che mi hanno reso quest’anno migliore… regalandomi emozioni, standomi vicino, condividendo sorrisi e lacrime…
E lo faccio usando la cosa che più sento mia, la musica! Ad ognuno è dedicata una canzone che ora, in questo preciso momento, mi piacerebbe far ascoltare.

Il mio piccolo GRANDE grazie va a:

- Mamma e Papà… per avermi donato la serenità e per insegnarmi, ogni giorno, l’autenticità. Per saper capire, per condividere, per dare un’altra possibilità, per farmi sentire al sicuro, per insegnarmi la responsabilità. Per… tutto! (“Per te” di Lorenzo)

- Matteo… per avermi riempito il cuore! Per quella magia che chiamiamo amore (“Arrivi tu” di Grignani)

- la mia Chiaretta… per tutto! Per le nostre avventure passate, per la strada che ci unisce e… per essere il mio angelo custode!... Come sempre! (“Le cose che vivi” di L.Pausini)

- la mia sorellina, la Fede… per essere faro luminoso, davanti a me (“Grazie perché” di G.Morandi)

- Enrico… perché, alla fine, non servono parole… (“Un amico è così” di L.Pausini)

- i bimbi dell’asilo… per avermi insegnato a meravigliarmi davanti alla semplicità della vita. Per farmi commuovere ed emozionare, per tutti gli abbracci, i baci e i loro piccoli grandi doni! (“I bambini fanno oh” di Povia)

- Alberto… per avermi insegnato il coraggio e per ricordarmi che non sono i chilometri ad allontanare (“Scrivimi” di N.Buoncuore)

- Bizzz… per essere il mio elisir di L/C ;) e soprattutto per avermi fatto scoprire che non è mai troppo tardi per incontrare un nuovo fratellino e avere così tanto da condividere! (“Buon anno” di Lorenzo)

- Cri… per avermi insegnato il sorriso, per la sua semplicità e autenticità, per il suo arrivare al cuore delle cose e per avere sempre un pensiero… (“Ogni volta” di Vasco)

- Marta… per avermi regalato la magia del ritrovarsi (“Gente” di L.Pausini)

- Alice ed Elisa… per la pazienza e la disponibilità; perché nonostante il mio andare e venire, mi fanno sempre sentire a casa! (“Siamo noi” di L.Pausini)

- i miei lupi… per la loro semplicità (“Grazie a te” di R.Zero)

- Elena… per avermi insegnato la costanza, per la pazienza… per esserci, sempre, e nonostante tutto! (“Angoli di cielo” di Tiromancino)

- la mia prof., Laura… per avermi regalato la magia della condivisione (“I giorni migliori” di Tiromancino)

- Bruno… per lasciarmi sempre la porta di casa spalancata (“Ramblers Blues” dei MCR)

- Giacomino… per aver condiviso con me gioie e dolori, per rimanere, in fondo, il mio grande compagno di viaggio! (“Strada facendo” di C.Baglioni)

- Vale… per avermi insegnato che se ci credi, ci riesci (“Attimi” di G.Barbarotta)

- Stefano… per avermi insegnato quanto è bello fare qualcosa per gli altri (“Come il sole all’improvviso” di Zucchero)

- Maryann, la mia streghetta… per avermi insegnato che una semplice chiacchierata può regalarti più emozioni di un’intera vita! E per l’ospitalità e la generosità (“Quello che rimane” di G.Barbarotta)

- Angelo… per avermi insegnato che il tempo e le distanze non cancellano le tracce sulla strada percorsa insieme. (“Tornano in mente” di A.Britti)

- Tina… per avermi insegnato che bisogna saper guardare oltre, capire ed ascoltare (“Eccoci” di A.Britti)

- Michi… per avermi insegnato che la vera magia è essere quel che si è (“Siamo ancora qui” di G.Barbarotta)

- Chiara… per avermi insegnato quanto è importante non farsi fregare dall’orgoglio e dal passato (“Imparare dal vento” di Tiromancino)

- Enrico… per la pazienza che ha sempre dimostrato, perché, nonostante i miei impegni e i miei tanti “No”, è sempre lì. (“Ninnananna” dei MCR)

- Pablo… perché nonostante le distanze e le mie promesse mai mantenute, mi è sempre nel cuore! (“Torno subito” di M.Pezzali)

- Emi… per avermi insegnato che, in silenzio, si dice di più (“La strada” dei MCR)

- Andrea… per avermi insegnato a crederci fino in fondo (“Gente di mare” di U.Tozzi)

- Veronica… perché insieme è più facile e più bello! (“Tutto può succedere” di Lorenzo)

- Aldo… per avermi insegnato la preziosità della vita. E perché, lo so, che da una stellina lui ci guarda e ci protegge. (“Arcobaleno” di A.Celentano)

E poi voglio augurare, di cuore, un Buon Natale a tutti gli irlandesi o agli irlandiani come me, che si sentono un po’ Irish, nel cuore!

A tutti quelli che qui non ho citato, a quelli a cui voglio bene e non sempre sono riuscita a dimostrarlo. A tutti quelli che mi hanno regalato un sorriso o hanno saputo arrivare fino al cuore. A quelli che non ho salutato, passando per strada (e sono molti!;) ma, ragazzi, sono cieca, che ci posso fare?!). A chi mi ha dato qualche dispiacere, perché alla fine ho imparato a tirar fuori i denti. A quelli che hanno aspettato, pazienti, i miei impegni, il mio poco tempo, il mio non esserci. Agli amici che ho trascurato, perché, nonostante tutto, sono sempre lì per me! A chi ha creduto in me, anche quando non l’ho meritato. A chi, attraverso musica, parole e pensieri, mi ha aiutato.

A tutti quelli che hanno intenzione di viversi ogni giorno, ogni ora, ogni minuto del tempo che ci viene regalato!

A chi crede nel “E’ Natale ogni volta che…”!

Buon Natale!

4 commenti:

Anonimo ha detto...

grazie per il pensiero

Maracaibo ha detto...

"In qualunque posto sarai, in qualunque posto sarò, tra le cose che vivi io per sempre vivrò..."
Caraaaa la mia Stefi....sai sempre essere così..unica!! Buon Natale di cuore, a te, al tuo uomo, alla tua famiglia, a Enrico e anche alla neosposa Marta.. Ti voglio bene

Bizzz ha detto...

Grazie a te Ste'...la sorpresa di incontrare persone "nuove" vale anche per me...buona natale, buon anno...e soprattutto Buona caccia!!!

Stefano ha detto...

L'ho letto solo ora.. mi fai commuovere!
Grazie!

 

blogger templates | Make Money Online