La maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio, che non è una semplice visita, ma un sogno. E va crescendo a poco a poco, costruendosi una delicata architettura. E’ un’amabile malinconia, che sviluppiamo con un complicato processo: senza voli aerei, senza tempo, senza soldi. Dalle palpebre verso dentro.

Un viaggio di questo tipo si alimenta di letture, cartoline illustrate, carte geografiche, ortografie, persone che arrivano con delle notizie, avventure vissute da altri e di cui uno si sente partecipe, nell’oscurità di una sala cinematografica o a casa, soli davanti al televisore.

Un pezzetto dopo l’altro prende forma il paesaggio che si riproduce una realtà che non si può toccare, ma forte come il vincolo che unisce il corteggiatore alla sua amante segreta. Credo sia una sorta di pellegrinaggio che ha a che vedere con il luogo a cui, per motivi misteriosi, sentiamo di voler appartenere

(da “Amor America” di M.Torres)

Perle di saggezza popolare (grazie a Venessia.com)

Io vado...

...nella mia nuova casa

martedì 8 gennaio 2008

L'amore ai tempi del colera

Voglio condividere con voi un bel film che abbiamo visto domenica sera: “El amor en los tiempos del cólera”. Lo scrivo in spagnolo, perché… beh, mi richiama quel capolavoro di Gabriel García Márquez e così mi sembra di rendergli più giustizia! ;p… fisse! ;) E metto il trailer, in inglese, perché… eh… è decisamente più bello in lingua originale!! Le cose doppiate (come quello in spagnolo, tra l’altro!), non rendono mai abbastanza!!

Che dire di questo film? E’ semplicemente una poesia! Delicato e sensibile… l’amore è una cosa tanto magica da rimanere nel cuore, nonostante gli anni e le distanze… l’amore, quello profondo, quello che senti nello stomaco, resiste a tutto, persino all’amore che, a volte, ci accontentiamo di ricevere! Florentino ama molte donne, ma resta sempre innamorato di quell’illusione di Fermina. Lei, a sua volta, ama un uomo che le fa vivere la realtà, ma non riesce a dimenticare quella stessa illusione: ci prova con tutte le sue forze, con tutto l’orgoglio e la rabbia, ma…


Consigliato a chi crede che una vita vissuta in solitudine, barricati dentro alle mura del proprio unico cuore, non sia abbastanza. Consigliato a chi non ama le sviolinate d’amore, ma ama la poesia che solo l’amore sa scrivere!

E consigliato a chi crede nell’illusione… perché “sperare è inutile se non ci credi!” (grazie, Cri!;) ) Ma, soprattutto, consigliato a chi ama, sì, ma in realtà si accontenta di amare… per paura che quell’illusione faccia solo soffrire. Chissà, forse ritroverà la spinta per crederci!


2 commenti:

Maracaibo ha detto...

Che bello! Bellissimo..si si, mi fai proprio venire voglia di andarlo a vedere sto film..e poi se è tratto dal libro di Marquez..! E poi io sono una massima cultrice della poesia dell'amore ;) Chissà che riesca a trovare il tempo di andarci al cine..uff..
Grazie di questa bella condivisione tesoro, un abbraccio

Anonimo ha detto...

Io l'ho visto ieri.. e mi sono commosso!!
Grazie..
Un abbarccio!
Carlo

 

blogger templates | Make Money Online