La maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio, che non è una semplice visita, ma un sogno. E va crescendo a poco a poco, costruendosi una delicata architettura. E’ un’amabile malinconia, che sviluppiamo con un complicato processo: senza voli aerei, senza tempo, senza soldi. Dalle palpebre verso dentro.

Un viaggio di questo tipo si alimenta di letture, cartoline illustrate, carte geografiche, ortografie, persone che arrivano con delle notizie, avventure vissute da altri e di cui uno si sente partecipe, nell’oscurità di una sala cinematografica o a casa, soli davanti al televisore.

Un pezzetto dopo l’altro prende forma il paesaggio che si riproduce una realtà che non si può toccare, ma forte come il vincolo che unisce il corteggiatore alla sua amante segreta. Credo sia una sorta di pellegrinaggio che ha a che vedere con il luogo a cui, per motivi misteriosi, sentiamo di voler appartenere

(da “Amor America” di M.Torres)

Perle di saggezza popolare (grazie a Venessia.com)

Io vado...

...nella mia nuova casa

martedì 23 settembre 2008

Con i suoi uccelli di carta per il cielo


... Tutto quel che vuole, sissignore, ma sono le parole che cantano, che salgono e scendono... Mi inchino dinanzi a loro... Le amo, mi ci aggrappo, le inseguo, le mordo, le frantumo... Amo tanto le parole... Quelle inaspettate... Quelle che si aspettano golosamente, si spiano, finché a un tratto cadono.... Vocaboli amati... Brillano come pietre preziose, saltano come pesci d'argento, sono spuma, filo, metallo, rugiada... Inseguo alcune parole... Sono tanto belle che le voglio mettere tutte nella mia poesia... Le afferro al volo, quando se ne vanno ronzando, le catturo, le pulisco, le sguscio...

Ieri sera ho chiuso un libro dal titolo "Confesso che ho vissuto".
L'ho chiuso perché sono arrivata all'ultima pagina, ma non l'ho finito, perché è qui che si srotola tra i pensieri.

E' una raccolta di memorie... e, come tali, scorrono come vengono, a volte si perdono o si offuscano. Ma come tutti i ricordi più intensi, diventano pura poesia! Ti saltano sulle spalle e ti sussurrano parole che richiamano altre parole: i suoi ricordi diventano i tuoi e alla fine, quel bambino che ti sei caricato sulle spalle, diventa parte di te... "la mia vita è una vita fatta di tutte le vite"

Non è passato un attimo, un solo istante, da quando ho appoggiato il libro sullo scaffale e ho aperto il mio taccuino... per scriverci parole scombinate. Poi l'ho messo da parte ed ho appoggiato la testa su quella che era diventata la mia terra: un luogo lontano, tra la Isla Negra e Madras... con un tramonto sui tetti di Buenos Aires come cuscino e i poemi di Sabat Ercasty come ninnananna...
Ho lasciato che le immagini scomposte si attaccassero tra loro in un puzzle senza senso... come quando, dopo una pulizia a fondo di una soffitta, ti ritrovi quelle cose che in realtà facevi rimbalzare da un posto all'altro senza sapere mai dove metterle, che ora ti guardano, da lontano.
Dove lo infili il tuo pennino preferito? Quello che ti aveva portato tuo papà dalla grande città, che conservavi solo per le lettere più speciali... nei ricordi di famiglia no, proprio non ci sta; nel baule dei giochi non ha senso; tra le lettere della guerra prenderebbe un odore troppo amaro... e allora lo sposti e lo appoggi in un angolo. Ma poi succede sempre che ti ricapita tra le mani. Mentre cerchi di far entrare il quadro dipinto da tua sorella nel baule dei ricordi di famiglia, quel calamaio è ancora una volta solo... apolide!
Lo guardi con la stessa espressione che usi quando cerchi una cosa dapertutto... quando poi hai deciso di accettare la sconfitta e di lasciar perdere, raccogli i vecchi libri, letti ormai da tempo, e decidi di rimetterli al loro posto... eccolo dov'era! Proprio lì sotto ai libri. Accidenti a lui! Ecco, quella... che espressione è? C'è un misto di rabbia e soddisfazione, accompagnati da una buona dose di simpatia... come ha fatto a rimaner nascosto qui così tanto tempo?! E' pure stato bravo!!!

E così, tutti quei pezzetti di ricordi impolverati si ritrovano abbandonati in un angolo della soffitta... poi devi pulire e così decidi di buttarli tutti dentro un sacco... "è solo per il momento", ti dici! solo finché non avrò finito di scopare per terra, di rimettere un cassone sopra l'altro... finché non avrò finito di dare un nuovo ordine al passato.
Un lavoro incompleto: tutto sistemato, tutto ormai si è piegato sotto la dura legge della catalogazione dei ricordi e quel che resta... quello rimarrà lì.
Magari questi sono gli oggetti che più ti pizzicano le mani quando li tocchi, quelli che a volte scottano e altre volte, toccandoli, ti senti uno di quei visionari dei film fantastici: risenti per un attimo una canzone, un profumo... sorridi... o ti senti un cretino! sospeso tra l'emozione che provi e la polvere che la ricopre.
Perché buttare quelle emozioni dentro un sacco?! Perché non costruire una nuova mensola dove metterle tutte lì; alla rinfusa, ma in bella vista?!
Io credo sia come quei miei pensieri di ieri... sono intrappolati in quella specie di limbo... devono ancora decidere dove stare, cosa dire.

E alla fine il sacco rimane così per chissà quanto ancora! Finché non ritornerai su, per togliere la nuova polvere o dare una nuova forma al passato... e te li ritroverai lì, in mano! Qualcuno di loro avrà un senso, ora... si sentirà a casa nello scatolone della tua infanzia. Qualche altro avrà finito il suo lavoro e se ne andrà, diventerà uno specchio che comprerà chissà chi in chissà quale mercatino... dalla polvere della soffitta alla parete di un salotto, di qualcuno che s'irrigidisce davanti ai suoi ricordi e compra quelli degli altri... che, di solito, pesano di meno.
Qualche altro rimarrà senza senso apparente e così verrà tolto dal sacco: ripasserà tra le mani e i piedi e sotto alle sedie e sopra i bauli e alla fine ritornerà in un angolo. Per essere poi scoperto, chissà, da un bambino curioso, alla ricerca dei legnetti magici per giocare al pitto...
Potrebbero rimanere lì per molto tempo, o forse solo per qualche istante...

Io credo che quelle parole troveranno il loro senso, quando sarà il momento... per ora le voglio lasciare dentro quel sacco, alla rinfusa. Vediamo se qualcuna di loro, stanca di starsene lì, avrà voglia di affacciarsi, scendere le scale e venirmi a trovare... sarebbe una meravigliosa sorpresa!



Dicono fosse il 23 settembre del 1973 quando Neruda morì... ecco, non lo sapevo! ma quel libro, oggi, ha già preso il suo profumo... e un po' anche il mio.

"Il poeta se ne andò volando con i suoi uccelli di carta per il cielo e sotto la pioggia"



Liberamente tratto da un pomeriggio in soffitta e dal libro "Confesso che ho vissuto" di Pablo Neruda
Musica: "Il postino" - Last Acoustic

Discover Last Acoustic!

7 commenti:

JANAS ha detto...

ti ho letto tutta d'un fiato, le parole anche alla rinfusa, le sai disporre molto bene! chissà! forse sono magnetizzate e trovano comunque un loro equilibrio di forze, da una parte si respingono e dall'altra si attraggono!
cos'è il pitto? non lo so ...ma conosco un bambino curioso, che va sempre alla ricerca dei legnetti magici, e ne ho una collezione nel balcone, nella macchina, nella tasca dei suoi pantaloni...e conosco un altro più grande...che colleziona ricordi non suoi, e archivia qualsiasi bicicletta abbandonata per realizzare un sogno..già con i ricordi degli altri!!

Stefi ha detto...

eheh.. il pito è un gioco tipico che si faceva fino a qualche generazione fa... qui te lo spiega bene: http://it.wikipedia.org/wiki/Lippa_(gioco)
(che poi, cercando su google, ho messo "pitto" e mi è venuto fuori questo: http://it.wikipedia.org/wiki/Pitti_(popolo) .. ma pensa..)

La collezione dei legnetti è qualcosa di spettacolare!! chissà quante trasformazioni quel balcone!! :)
..e pure quella delle bici!! i ricordi degli altri possono essere trasformati nelle mani di chi li sa guardare con gli occhi giusti! e quando uno è bambino (anche se è un bambino alto), sa vedere cose che altri non riescono proprio a vedere... un sogno per esempio! ;)
io in realtà avevo in testa uno, che un giorno ha portato tutto al mercatino perché diventava difficile salire in soffitta e ascoltare tutte quelle cose parlare... peccato! forse un giorno quelle parole avrebbero potuto dir qualcosa anche a lui!!
buona giornata ja'!!!
un abbraccio

Bibbo ha detto...

Tu cosa hai lasciato in soffitta???? ihih
non vogliono uscire le parole, ste?

liberaessenza ha detto...

Ricordi,
nostalgie confuse
fuoriescono pian piano,
da scatole chiuse
e nel cuore icombono...

Un saluto.

liberaessenza ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Stefi ha detto...

Bibbo... ihhhhh... che mi dici?! stai buono, va'! che non ho ancora capito se facciano tanto prurito perché sono ancora tutte lì e trovano la porta chiusa o se è perché le ho tutte dispettosamente attaccate dietro la schiena!!
mhhh!dovrò cercar un albero dove grattarmi!!;)
..dai, MAI PAURA direi!! eheh


Liberaessenza... ecco, così! grazie per questo tuo delizioso quadro... poche pennellate dai colori preziosi!

Maracaibo ha detto...

Esprimere ciò che si vive con le parole non è qualcosa di così semplice e immediato.. E a volte davvero non ci si riesce.. A volte quell'oggetto in soffitta, il suo profumo, il suo colore, il contatto che le tue mani sentono con lui, è più che sufficiente per capire.. E' un segreto che rimane nel tuo cuore e che, forse, riesce a far sussultare solo il tuo cuore.. e quello di chi era lì con te in quel momento..

E poi diventa comunque parte di te, ciò che senti, che vivi, che leggi, che provi, che sperimenti.. e non sempre è necessario trasformarlo in parole, è parte di te e basta. Chi sa osservare e ascoltare lo vedrà in tutto ciò che sei..

Stellina, ti si sta muovendo un fiume dentro... lascialo scorrere..

Ti voglio bene e sono con te, lungo quel fiume..

 

blogger templates | Make Money Online